Il software ANSYS contribuisce a rendere pratiche ed efficienti le batterie per veicoli elettrici

Il leader nella simulazione collabora con General Motors, NREL e ESIM per migliorare la progettazione delle batterie

Milano, 27 giugno 2012 – A un anno dall’inizio del progetto  finanziato dal dipartimento di Energia statunitense (US Department of Energy - DOE), ANSYS (NASDAQ: ANSS), azienda leader dell’innovazione nel campo delle tecnologie di simulazione per ottimizzare i processi di progettazione e sviluppo di prodotto, General Motors LLC, National Renewable Energy Laboratory (NREL) e ESIM stanno sfruttando la tecnologia di simulazione per ottimizzare le prestazioni delle batterie di veicoli elettrici e ibridi. Lo scorso anno il team  ha ottenuto traguardi significativi a supporto del progetto Computer Aided Engineering for Electric Drive Vehicle Batteries (CAEBAT) promosso da DOE.

 

GM ha assegnato ad ANSYS un contratto di subappalto per sviluppare strumenti software per le batterie che contribuiranno ad accelerare la messa a punto di veicoli elettrici (EV) di prossima generazione. L’assegnazione del progetto - presentato a GM lo scorso anno (http://www.nrel.gov/news/press/2011/1472.html) - è avvenuta a seguito di una gara competitiva indetta dal laboratorio NREL del DOE.

 

L’obiettivo principale del progetto CAEBAT è quello di integrare nuovi ed esistenti modelli di batterie nel software di simulazione per ridurre i cicli di progettazione e ottimizzare le batterie, incrementandone prestazioni, sicurezza e durata. Il progetto sta inoltre pilotando l’innovazione del settore EV.

 

I risultati del team GM- ANSYS-ESIM dello scorso anno includono la prototipazione e la validazione di tre approcci di modellazione elettrochimica. I partner hanno anche realizzato il prototipo di una funzionalità di co-simulazione, che fonde le tecnologie di multifisica della batteria e quelle dei sistemi di simulazione consentendo agli ingegneri di eliminare i dettagli inutili e aumentare l’efficienza della simulazione senza compromettere la precisione del modello.

 

“Tradizionalmente, il settore delle batterie EV si basa in gran parte sul costoso e prolungato processo di design-build-test-break per la loro prototipazione e produzione”, ha dichiarato Jan Aase, director of the vehicle development research lab presso GM Global R&D. “Tuttavia lo sviluppo virtuale di prodotti ha dimostrato di essere un modo efficace per valutare le alternative di progetto. Questo team specifico è stato scelto grazie ai risultati di successo individuali ottenuti nei rispettivi settori nella fornitura di tecnologie affidabili che hanno portato alla creazione di prodotti efficienti”.

 

Il team sta sfruttando la significativa esperienza di NREL nella modellazione multi fisica e multi-scale delle batteria agli ioni di litio. Gli strumenti di progettazione risultanti saranno presto commercializzati da ANSYS. GM prevede di convalidare e applicare il modello allo sviluppo dei suoi veicoli elettrici.

 

“ANSYS è noto per la fornitura di tecnologia di simulazione affidabile per la progettazione sostenibile in una vasta gamma di settori tra cui l’automotive,” ha dichiarato Sandeep Sovani, manager of global automotive strategy di ANSYS. “Le recenti richieste da parte dei clienti per rendere i veicoli più pratici, unite alla pressante normativa governativa, hanno contribuito a creare innovazione senza precedenti nel settore automotive. ANSYS è orgogliosa di essere all’avanguardia nello sviluppo di strumenti software in grado di accelerare la produzione di batterie agli ioni di litio sicure, affidabili, ad alte prestazioni e di lunga durata e rendere i veicoli più efficienti e sostenibili”.

 

NREL si aspetta che i sistemi risultanti si trasformeranno in offerte commerciali nell’arco di due anni. Questa iniziativa è finanziata dal Programma Vehicle Technologies presso l’Ufficio di efficienza energetica ed energie rinnovabili del DOE.